Diritto Civile

diritto civile

Nell'ambito del Diritto Civile gli avvocati dello studio legale Pillon e Napoleoni si occupano di:

Contatta lo studio legale di Perugia per richiedere preventivi, consulenze, assistenza e informazioni dettagliate in merito al diritto civile.

Separazione

Lo Studio mette a disposizione la sua consolidata esperienza nel campo del diritto di famiglia per consulenza ed assistenza nei casi di crisi del matrimonio. Prima di giungere alla separazione, tanto consensuale quanto giudiziale i professionisti valuteranno ogni alternativa praticabile nell’interesse della famiglia, anche attraverso il ricorso alla mediazione familiare. Per la sua stessa natura di situazione temporanea, la separazione deve essere gestita con particolare delicatezza ed attenzione.

La separazione giudiziale trova i suoi presupposti nella intollerabilità della convivenza o nel grave pregiudizio all’educazione della prole (art. 151 c.c.), la consensuale nel consenso dei coniugi (art. 158 c.c.). Tanto nell’una quanto nell’altra forma di separazione la regolamentazione dei rapporti patrimoniali, ma anche dei rapporti personali è demandata al provvedimento del giudice, che determinerà le rispettive spettanze o omologherà il consenso dei coniugi. In vista di ciò è fondamentale che si occupino della situazione professionisti con una buona esperienza alle spalle che permetta loro di affrontare con la necessaria determinazione e lungimiranza equilibri fin troppo precari.

Avendo constatato che a risentire della situazione di crisi sarà comunque il microcosmo familiare inteso sia come vincolo matrimoniale, che come rapporti tra i coniugi e dei coniugi con i figli, lo Studio Legale si impegnerà a seguire, con la massima serietà, l’iter processuale previsto, occupandosi anche delle questioni inerenti l’affidamento dei figli e la divisione dei beni tra i coniugi.

Nullità del Matrimonio

Nei matrimoni celebrati con rito religioso cattolico, accanto alle ipotesi di scioglimento del vincolo matrimoniale nell’ottica del diritto civile, a volte emerge la necessità di far chiarezza circa la sussistenza o meno, al momento del matrimonio, dei presupposti per la validità di quest’ultimo sotto il profilo del diritto canonico.

L’ordinamento canonico, data la natura sacramentale del matrimonio tra battezzati, prevede che solo il giudice ecclesiastico abbia giurisdizione su tale vincolo e possa dichiararne la nullità (can. 1055 § 2, 1059, 1401 n. 1, 1671 c.j.c.) e che solo il Pontefice possa dichiararne lo scioglimento nel caso di matrimonio rato e non consumato (can. 1142 c.j.c.).

Lo Studio, ritenendo essenziale nell’interesse della famiglia una chiarificazione ed un esame della situazione da parte delle Autorità ecclesiastiche, mantiene costanti contatti con avvocati patrocinanti presso i Tribunali ecclesiastici, avvalendosi della loro collaborazione per consultazioni ed attività coordinate.

Share by: